navigazione: Home > Sport > Olimpiadi di Londra, 12 atleti marchigiani schierati

Olimpiadi di Londra, 12 atleti marchigiani schierati

La Regione mantiene la promessa fatta, qualche tempo fa, agli atleti marchigiani che prendono parte ai XXX Giochi Olimpici di Londra: far sentire tutto il calore e la vicinanza della loro regione.



Nell’anno in cui le Marche schierano ben 12 atleti, a cominciare dalla portabandiera azzurra, Valentina Vezzali , la Regione occuperà (con la Regione Umbria) uno spazio a Casa Italia, con l’intento di valorizzare e di sostenere i propri atleti, ma anche di promuovere le eccellenze del territorio.





Del resto, le Marche annoverano a Londra il CT delle Nazionali di fioretto, Stefano Cerioni, il capitano della Nazionale di nuoto, Filippo Magnini e altri campioni mondiali come Massimo Fabbrizi (Tiro a volo), Elisa Di Francisca (vincitrice Coppa del Mondo 2011 di fioretto), Andrea Bari, Emanuele Birarelli e Samuele Papi (campioni mondiali per Club nella pallavolo).





"La presenza della Regione a questo evento planetario – ha commentato il presidente della Regione, Gian Mario Spacca - è un atto dovuto nei confronti dei nostri atleti che ci hanno regalato grandi soddisfazioni, con l’auspicio che possano fare altrettanto, magari sventolando la bandiera delle Marche che abbiamo donato loro prima della partenza. Le Olimpiadi di Londra saranno anche l’occasione per promuovere le nostre eccellenze a un pubblico internazionale. A tutti i nostri atleti che si apprestano a regalarci fortissime emozioni, va l’in bocca al lupo di tutta la comunità marchigiana”.





A Londra le Marche schiereranno anche altri forti atleti: da Michele Regolo a Filippo Maria Baldassarri (vela Laser e Star); da Julieta Cantaluppi e Paolo Ottavi (ginnastica ritmica e artistica) all’ultimo qualificato, il giovane Gian Marco Tamberi (salto in alto). Della comitiva marchigiana impegnata ai Giochi fanno parte anche il medico della Nazionale di Pallavolo, Piero Benelli; l’arbitro di lotta, Marco Masi; il preparatore atletico degli arbitri di calcio, Carlo Castagna e il Padre spirituale della spedizione azzurra, il fermano Don Mario Lusek . La prima corsa dei marchigiani alle medaglie olimpiche scatterà già sabato 28 luglio, con la gara individuale di fioretto che vedrà impegnate le prime due del ranking mondiale, Valentina Vezzali (già protagonista della sfilata inaugurale) ed Elisa Di Francisca.





Domenica 29 alle ore 11, al “Queen Elizabeth II Conference Centre”, sede di Casa Italia, sarà presentato il volume “Le Marche a 5 Cerchi”, alla presenza dell’assessore regionale allo Sport, Paolo Eusebi; dell’autore del volume, Andrea Carloni e degli olimpionici di ieri e di oggi.





Casa Italia è una palazzina di sei piani con 29 diversi spazi per eventi su 6 mila metri quadrati, attigua ai simboli della City, il Big Ben, l'Abbazia di Westminster e la grande ruota panoramica del London Eye. Numeri e dimensioni della struttura inaugurata da sua Maestà la Regina nel 1986. Tre piani su sei saranno aperti al pubblico dalle 12 alle 20: la struttura dista 10 km dal Villaggio Olimpico, è facilmente raggiungibile e intende offrire un quadro del nostro Paese attraverso mostre d'arte, degustazioni di eccellenze enogastronomiche e musica. A Casa Italia verranno proiettate le immagini trasmesse in diretta da Sky, la tv detentrice dei primi diritti dei Giochi in Italia: al 4° piano verranno ospitati anche gli studi di Rai, Mediaset e La 7.





 

Puoi commentare l'articolo su Vivere Pesaro


Regione Marche