PSR 2014-2020 - Programma di sviluppo rurale Regione Marche 2014-2020



navigazione: Home > Cronaca > Pergola: coltello puntato contro carabiniere e famiglia, presa una 21enne e poi rilasciata

Pergola: coltello puntato contro carabiniere e famiglia, presa una 21enne e poi rilasciata

Stava passeggiando nei pressi della scuola. Con lui c’erano sua moglie e sua figlia. A un certo punto, la quiete del momento è stata interrotta da una giovane ragazza che – parandosi davanti a loro – si è messa a insultarli e poi a minacciarli. In mano aveva un coltello, nonostante sapesse di trovarsi di fronte a un sottoufficiale dei carabinieri. Anzi, in tutta probabilità, la 21enne ha agito così proprio perché sapeva che quell’uomo a spasso con la sua famiglia fosse un militare.

È successo a Pergola. La ragazza non è nuova a episodi del genere. Aveva già provocato le autorità, in passato. Finora, però, si era limitata a ostentare il suo dito medio, o poco più. Questa volta ha oltrepassato il limite, scatenando la reazione del sottoufficiale che – dopo la minaccia messa in atto con tanto di coltello -  l’ha rincorsa e fermata. Dopo esser stato ferito e preso a calci, il carabiniere - insieme ad altri militari sopraggiunti nel frattempo - ha condotto la ragazzina in caserma.

Si tratta di una figura già nota, apparentemente dal vissuto complesso sotto il profilo personale e familiare. La ragazza è stata arrestata per resistenza, minacce, lesioni e porto abusivo del coltello. Durante il processo per direttissima ha patteggiato un anno di reclusione con sospensione della pena. Tornando, così, in libertà.


Resta aggiornato in tempo reale con il nostro servizio gratuito di messaggistica:


per Whatsapp aggiungere il numero 350 564 1864 alla propria rubrica e inviare un messaggio - anche vuoto - allo stesso numero
Per Facebook Messenger cliccare su m.me/viverefano
Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano
Puoi commentare l'articolo su Vivere Fano


Simone Celli