navigazione: Home > Spettacoli > Urbino: Mozart e Beethoven, al Teatro Sanzio il concerto gratuito per studenti e cittadini

Urbino: Mozart e Beethoven, al Teatro Sanzio il concerto gratuito per studenti e cittadini

La giornata in cui l’Università di Urbino Carlo Bo celebra il suo 514° anno accademico si concluderà al Teatro Sanzio con il concerto dedicato dalla Città di Urbino e dall'Università Carlo Bo all'incontro fra studenti e ai cittadini.

Il Clarinettista Francesco Darmanin e il Pianista Nicola Pantani eseguiranno con l'Orchestra "Raffaello" diretta dal Maestro Stefano Bartolucci il Concerto per clarinetto e orchestra in La maggiore K. 622 (1791) di Wolfgang Amadeus Mozart e il Piano Concerto N.5 in Mi bem maggiore op. 73 "Imperatore" (1811) di Ludwing Van Beethoven. Ingresso gratuito previa acquisizione del biglietto sul sito di Uniurb alla pagina: https://www.uniurb.it/novita-ed-eventi/4645.

Francesco Darmanin nasce a Firenze nel 1995. Si diploma nel settembre del 2014 con il massimo dei voti, lode e menzione d'onore nella classe del M° Fabio Battistelli. Tiene il suo primo concerto nelle vesti di solista nel maggio del 2011 presso il Teatro Verdi di Firenze eseguendo "Introduzione, Tema e Variazioni" di G.Rossini. Prende parte a numerosi concorsi, in cui ottiene numerosissimi Primi premi assoluti. Nel febbraio del 2014 ottiene il ruolo di primo clarinetto in "Opera da Tre Soldi" di K. Weill e "Rhapsody in Blue" di G. Gershwin dirette dal M° Guido Corti. Intraprende una regolare attività concertistica con il pianista Mattia Fusi nel panorama italiano. Già primo clarinetto dell' ESYO (European Spirit of Youth Orchestra) e presso la Camerata Strumentale Città di Prato, fondata da Riccardo Muti. In qualità di solista si è esibito con Orchestre quali: Orchestra Toscana Classica, Orchestra da Camera fiorentina, Orchestra del Carmine, Orchestra del conservatorio L. Cherubini, Orchestra Poliziana.

Nicola Pantani nasce a Rimini nel 1995. Frequenta attualmente la classe del M° Enrico Meyer presso l’Istituto Musicale Pareggiato ”G. Lettimi” di Rimini dove ha conseguito nel febbraio 2017 il Diploma Accademico di I livello con il massimo dei voti e lode. E inoltre allievo dei Maestri Enrico Pace e Igor Roma all’Accademia pianistica internazionale di Imola. Come solista è stato premiato in vari concorsi ricevendo diversi riconoscimenti, tra i quali il prestigioso premio Casella 2017 nell’ambito della XXXIV edizione del “Premio Venezia”, concorso riservato ai migliori diplomati dei Conservatori italiani. Nel 2015 è stato selezionato per eseguire presso il padiglione Italia di Expo Milano musiche di vari autori italiani. Suona stabilmente in duo con il violoncellista F.Stefanelli e con la pianista E.Rumici, con la quale ha vinto diversi primi premi.

Stefano Bartolucci si è diplomato in pianoforte al conservatorio G.Rossini di Pesaro con il massimo dei voti e la lode sotto la guida del M°Franco Scala, in direzione d’orchestra con il M° Manlio Benzi ed in composizione con il M° Lamberto Lugli. Ha diretto l’Orchestra del “Teatro Coccia” di Novara, la “Rossini” di Pesaro, la “Corelli” di Ravenna, l’Orchestra Filarmonica Marchigiana, la EE.UU di Sofia e la G. da Venosa di Avellino, collaborando col Balletto di Milano e Raffaele Paganini e col Balletto di Mosca. Ha partecipato a numerosi concorsi pianistici e di musica da camera ottenendo diversi primi premi. Ha svolto una intensa attività concertistica sia come solista che in formazioni cameristiche nei teatri italiani e stranieri più importanti del mondo.

L'Orchestra Raffaello, costituitasi recentemente, attraverso le attività svolte, le collaborazioni e tutti i progetti musicali ha come finalità principali la scoperta e la valorizzazione delle opere liriche di maggior richiamo e la valorizzazione di solisti del nostro territorio. La gestione di questo gruppo di musicisti con, alle spalle, grandi esperienze concertistiche, è affidata all’Associazione Itinerarte di cui il Direttore principale, Stefano Bartolucci, è il presidente.. Dal 2015 ad oggi, grazie all’iniziativa di questo gruppo, hanno riaperto le stagioni liriche di diversi teatri italiani. La divulgazione del patrimonio lirico italiano è, per questi artisti, una delle prerogative principali. Concerti didattici, conferenze per gli studenti di ogni ordine e grado, “inviti all’opera”, sono svolti con regolarità nelle scuole delle Marche e dell’Emilia Romagna. E presto una nuova tournée all’estero.Puoi commentare l'articolo su Vivere Urbino


Università degli Studi di Urbino Carlo Bo